Dentro le nozze intime e romantiche di Jennifer Lawrence e Cooke Maroney

Scritto da il 20 Ottobre 2019

C’è stato un tempo in cui Jennifer Lawrence, 29 anni e un Oscar già in bacheca, diceva l’inimmaginabile: «Nessuno mi chiede di uscire. Ogni sabato sera sono sola, gli uomini sono così severi con me». Erano i tempi delle storie a scadenza (Nicholas Hoult, il regista Darren Aronofsky…). Poi – nell’autunno 2018 – Jen ha conosciuto il commerciante d’arte Cooke Maroney, 34. E che fosse la sua anima gemella non ha avuto dubbi: «Con lui sorride come con nessun altro prima». Si sono fidanzati subito, e poco dopo, lo scorso febbraio, è arrivata la proposta di nozze. Detto, fatto.

L’attrice e il gallerista sono ora andati a nozze. A Newport, Rhode Island, in un castello progettato nel 1894 dal famoso architetto americano Richard Morris Hunt. L’ispirazione alla base del Belcourt pare sia stata la casa di caccia di Luigi XIII a Versailles. E gli sposi, secondo le indiscrezioni di People, hanno voluto una cerimonia all’aperto, in una sorta di giardino d’inverno. Intima, romantica e soprattutto lontano dai riflettori.

Solo per 150 ospiti. Tantissimi, come prevedibile, da Hollywood: le amiche della sposa, Adele, Cameron Diaz, ed Emma Stone. E ancora Sienna Miller, accompagnata dal fidanzato Lucas Zwirner, Nicole Ritchie e la mamma di tutte le Kardashianm, Kris Jenner. La giornata è iniziata con un barbecue a legna, per intrattenere gli invitati prima della cerimonia nuziale. Poi il cocktail, la cena e la festa fino a notte fonda. A far ballare tutti, i The Ruckus.

Prima di conoscerlo, Jen ha ammesso di non avere mai avuto il matrimonio nei suoi piani: «Appena ho incontrato Cooke, volevo sposarlo, volevo legarlo legalmente a me per sempre», ha raccontato tempo fa, con la sua solita ironia: «E fortunatamente esistono scartoffie per una cosa del genere. Trovi la tua persona preferita e dici e dici “Non puoi scappare!”».

 

L’articolo originale lo trovi cliccando qui


Traccia corrente

Titolo

Artista

Chatta con Noi