Paola Barale, le confessioni di una donna che è sempre stata libera

Scritto da il 11 Gennaio 2020

Showgirl, attrice, viaggiatrice consapevole. Paola Barale, 52 anni, si è reinventata più e più volte. L’estero, l’Italia, la tv, la libertà di esserci o di sparire. Oggi si racconta via Instagram, una storia dopo l’altra, cronache dall’ultimo viaggio, in India. Alle spalle due amori importanti. La lunga storia con l’attore israeliano Raz Degan; il matrimonio con il ballerino e opinionista Gianni Sperti. Entrambi solo un lontano ricordo.

«Il divorzio? Lui voleva dei figli, io avevo altre priorità: il lavoro.

Lui lavorava, ma non sempre», ha appena raccontato a Peter Gomez, ospite da La confessione. «I bambini si fanno quando c’è stabilità. Era un uomo forte, ma durante la relazione era emotivamente distaccato».

Barale in onda ha parlato anche di un pettegolezzo che da anni la riguarda, ossia del presunto flirt con Maria De Filippi: «Come è nata questa storia? Mi sono già fatta un’idea. Però sono una persona con un senso del pudore molto alto, non mi va di parlare di altre persone che non hanno mai avuto voglia di parlare di questo. All’inizio non capivo. Perché io non conosco bene la signora De Filippi. L’avrò vista sì e no 10 volte, ma solo in studio. Ma le leggende metropolitane hanno sempre un fondamento di verità e ho capito da dove è nato questo rumor. Non dipendeva da me, ma dai comportamenti di altre persone che stavano intorno a me, che lasciavano pensare agli altri che questa cosa fosse vera».

L’amore che verrà? «Sono molto delusa e la cosa che mi spiace è che ho perso tutta la mia parte più romantica», ha fatto ancora sapere di recente, «Io sono sempre stata una persona che ama stare in coppia, anche perché ho avuto l’esempio della mia famiglia, i miei stanno insieme da 58 anni».

LEGGI ANCHE

Paola Barale: «Io e Raz Degan, che non ci parliamo più»

LEGGI ANCHE

Lo «sguardo di ghiaccio» della regina Elisabetta nelle prime foto dopo l’addio di Meghan e Harry

LEGGI ANCHE

Joaquin Phoenix è stato arrestato a Washington

L’articolo originale lo trovi cliccando qui


Traccia corrente

Titolo

Artista